1 0 4000 1 http://barriosimpactfilmfestival.it 300 0

Barrio's IMpact Film Festival versione estiva

EDIZIONE INVERNO – GENNAIO 2020

Programma:

16 gennaio Claudia Tosi con I had a dream per il BIFF

Manuela e Daniela sognano di cambiare il loro paese, l’Italia, ma devono fare i conti con la dura realtà. Dalle lotte femministe contro Berlusconi alle ultime elezioni politiche del 2018, il film esplora l’Italia, negli ultimi 10 anni, attraverso l’azione politica e la vita quotidiana di due donne molto combattive.

Sostenute solo dalla loro profonda amicizia e dalla passione politica, Manuela, Onorevole del Parlamento italiano, e Daniela, consigliera comunale, affrontano l’arena politica italiana e testimoniano un cambiamento che non si sarebbero mai aspettate: la crisi della politica rappresentativa e l’ascesa del populismo. Combattute tra il senso del dovere e il desiderio di lasciare, Manuela e Daniela cercano di dare un senso alla loro avventura politica, confrontandosi con essa, e si interrogano sul futuro dell’Europa. Ne esce il ritratto di un paese in cui il sistema democratico appare sempre più fragile e delegittimato. Lo humor e l’autenticità delle protagoniste dona luce e inaspettata leggerezza ad uno scenario che riflette i tempi bui che l’Italia sta affrontando.

Manuela e Daniela sognano di cambiare il loro paese, e tu?

I Had a Dream di Claudia Tosi – giovedì 16 Gennaio alle 21:15

 

23 gennaio Claudia Tosi con I had a dream per il BIFF

Manuela e Daniela sognano di cambiare il loro paese, l’Italia, ma devono fare i conti con la dura realtà. Dalle lotte femministe contro Berlusconi alle ultime elezioni politiche del 2018, il film esplora l’Italia, negli ultimi 10 anni, attraverso l’azione politica e la vita quotidiana di due donne molto combattive.

Sostenute solo dalla loro profonda amicizia e dalla passione politica, Manuela, Onorevole del Parlamento italiano, e Daniela, consigliera comunale, affrontano l’arena politica italiana e testimoniano un cambiamento che non si sarebbero mai aspettate: la crisi della politica rappresentativa e l’ascesa del populismo. Combattute tra il senso del dovere e il desiderio di lasciare, Manuela e Daniela cercano di dare un senso alla loro avventura politica, confrontandosi con essa, e si interrogano sul futuro dell’Europa. Ne esce il ritratto di un paese in cui il sistema democratico appare sempre più fragile e delegittimato. Lo humor e l’autenticità delle protagoniste dona luce e inaspettata leggerezza ad uno scenario che riflette i tempi bui che l’Italia sta affrontando.

Manuela e Daniela sognano di cambiare il loro paese, e tu?

I Had a Dream di Claudia Tosi – giovedì 23 Gennaio alle 19:30

Chi è Irmela Mensah-Schramm? Una donna berlinese contro l’odio che da 30 anni cancella scritte e graffiti neonazi in Germania e non solo: “L’odio per il prossimo non potrà mai essere una soluzione”.

Una mattina del 1985, andando al lavoro, nota su un muro un adesivo razzista, la sera prende le chiavi di casa e lo stacca. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi. Questa è la sua storia ed è anche la nostra: quella di un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.

Una lotta quotidiana ai simboli dell’odio nazista, un’opposizione totale al ritorno della peggior colpa dell’Europa.

The Hate Destroyer di Vincenzo Caruso – giovedì 23 Gennaio alle 21:15

 

Chi è Irmela Mensah-Schramm? Una donna berlinese contro l’odio che da 30 anni cancella scritte e graffiti neonazi in Germania e non solo: “L’odio per il prossimo non potrà mai essere una soluzione”.

Una mattina del 1985, andando al lavoro, nota su un muro un adesivo razzista, la sera prende le chiavi di casa e lo stacca. Da allora continua a cancellare ogni giorno dai muri scritte omofobe e razziste, dopo averle fotografate. È sola, rischia grosso: ma Irmela ha già sconfitto il cancro e un passato difficile, e rifiuta di piegarsi. Questa è la sua storia ed è anche la nostra: quella di un’Europa che si sveglia ogni giorno più violenta, ma in cui la caparbietà semplice e rivoluzionaria di chi si alza in piedi e dichiara il suo “no” può ancora fare la differenza.

Una lotta quotidiana ai simboli dell’odio nazista, un’opposizione totale al ritorno della peggior colpa dell’Europa.

The Hate Destroyer di Vincenzo Caruso – giovedì 30 Gennaio alle 19:30

È piccola, ma quando canta la sua voce si fa notare! Cuore di Bambola è il film di successo del Giffoni Festival 2019 che racconta la storia di Veronica Tulli, in arte LuluRimmel, un’artista e performer eccezionale con osteogenesi imperfetta, definita anche come la malattia delle ossa fragili. Si esibisce in spettacoli di diverso genere nella scena alternativa romana: la Bottega degli Artisti con il “Freakshow”, il “Silencio Cabaret” uno spettacolo omaggio a David Lynch, e il “Vintage Carnival” con esibizioni Burlesque e dj set.

È intelligente, affascinante e romantica e vuole avere tutto, senza compromessi! Scopri come Veronica ha saputo trasformare la sua disabilità in un semplice piccolo imprevisto della vita.

Cuore di Bambola di Antonio Di Domenico – giovedì 30 Gennaio alle 21:15

 

È piccola, ma quando canta la sua voce si fa notare! Cuore di Bambola è il film di successo del Giffoni Festival 2019 che racconta la storia di Veronica Tulli, in arte LuluRimmel, un’artista e performer eccezionale con osteogenesi imperfetta, definita anche come la malattia delle ossa fragili. Si esibisce in spettacoli di diverso genere nella scena alternativa romana: la Bottega degli Artisti con il “Freakshow”, il “Silencio Cabaret” uno spettacolo omaggio a David Lynch, e il “Vintage Carnival” con esibizioni Burlesque e dj set.

È intelligente, affascinante e romantica e vuole avere tutto, senza compromessi! Scopri come Veronica ha saputo trasformare la sua disabilità in un semplice piccolo imprevisto della vita.

Cuore di Bambola di Antonio Di Domenico – giovedì 6 Febbraio alle 19:30

Parte da Napoli, originaria capitale della musica e del disco in Italia, Vinilici – perché il vinile ama la musica”, il primo film completamente italiano dedicato a questo meraviglioso supporto.

A settanta anni esatti dalla nascita del disco in vinile, il film vuole indagare sul ritrovato interesse per la musica su vinile in Italia. I dischi non sono più acquistati solo dai collezionisti, ma anche da una nuova e più ampia schiera di appassionati di diverse età. Si tratta di un nostalgico ritorno al passato o di un’opportunità per il futuro?
Nel film sono presenti le testimonianze di: Carlo Verdone, Mogol, Renzo Arbore, Claudio Coccoluto, Elio e le Storie Tese, Red Ronnie, Bruno Venturini, Lino Vairetti, Renato Marengo, Claudio Trotta, l’ingegnere del suono Giulio Cesare Ricci, il giornalista musicale e studioso delle nuove tecnologie Gianni Sibilla, i giovani musicisti Bruno Bavota e Massimo de Vita, i collezionisti Pino Imparato, Fernando Fratarcangeli, Stefano Tarquini, Marco di Virgilio, Alessandro Pomponi e Paolo Mazzucchelli, gli accademici Lello Savonardo e Anita Pesce e poi Paolo Corciulo, Claudio Austoni, Ferdinando Esposito, Simona e Sergio Burini, Alex Cereda, Antonio de Spirito e Massimiliano Pone.

Vinilici di Vincenzo Russo  – giovedì 6 Febbraio alle 21:15

 

Parte da Napoli, originaria capitale della musica e del disco in Italia, Vinilici – perché il vinile ama la musica”, il primo film completamente italiano dedicato a questo meraviglioso supporto.

A settanta anni esatti dalla nascita del disco in vinile, il film vuole indagare sul ritrovato interesse per la musica su vinile in Italia. I dischi non sono più acquistati solo dai collezionisti, ma anche da una nuova e più ampia schiera di appassionati di diverse età. Si tratta di un nostalgico ritorno al passato o di un’opportunità per il futuro?
Nel film sono presenti le testimonianze di: Carlo Verdone, Mogol, Renzo Arbore, Claudio Coccoluto, Elio e le Storie Tese, Red Ronnie, Bruno Venturini, Lino Vairetti, Renato Marengo, Claudio Trotta, l’ingegnere del suono Giulio Cesare Ricci, il giornalista musicale e studioso delle nuove tecnologie Gianni Sibilla, i giovani musicisti Bruno Bavota e Massimo de Vita, i collezionisti Pino Imparato, Fernando Fratarcangeli, Stefano Tarquini, Marco di Virgilio, Alessandro Pomponi e Paolo Mazzucchelli, gli accademici Lello Savonardo e Anita Pesce e poi Paolo Corciulo, Claudio Austoni, Ferdinando Esposito, Simona e Sergio Burini, Alex Cereda, Antonio de Spirito e Massimiliano Pone.

Vinilici di Vincenzo Russo  – giovedì 13 Febbraio alle 19:30

Una noce dentro un sacco poco rumore fa. Ma tante noci insieme suonano.
Nelle campagne di Cupramontana, in provincia di Ancona, c’è chi dagli anni ’80 porta avanti una rivoluzione tanto radicale quanto silenziosa, e ospita coloro che decidono di condividere lo stesso stile di vita. È la piccola Tribù delle Noci Sonanti. Nel film, i registi Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi, raccontano un’estate che Fabrizio, fondatore della tribù, passa con il figlio Siddhartha (9 anni), alle prese con le differenze tra la vita in tribù e quella al di fuori.

Il bambino prepara con il padre l’esame d’avanzamento alla quarta elementare, l’unico momento istituzionale annuale della sua vita. Durante l’estate Sid inizia a frequentare con regolarità Sofia, una sua vicina quasi coetanea. Con lei sperimenta uno stile di vita diverso. Momenti archetipici, comuni ad ogni bambino, si alternano ad altri più legati allo stile di vita, che segnano una differenza tra la tribù e il resto del mondo. Una differenza che Sid deve considerare quando per la prima volta pensa concretamente al futuro.

Noci Sonanti di Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi – giovedì 13 Febbraio alle 21:15

 

Una noce dentro un sacco poco rumore fa. Ma tante noci insieme suonano.
Nelle campagne di Cupramontana, in provincia di Ancona, c’è chi dagli anni ’80 porta avanti una rivoluzione tanto radicale quanto silenziosa, e ospita coloro che decidono di condividere lo stesso stile di vita. È la piccola Tribù delle Noci Sonanti. Nel film, i registi Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi, raccontano un’estate che Fabrizio, fondatore della tribù, passa con il figlio Siddhartha (9 anni), alle prese con le differenze tra la vita in tribù e quella al di fuori.

Il bambino prepara con il padre l’esame d’avanzamento alla quarta elementare, l’unico momento istituzionale annuale della sua vita. Durante l’estate Sid inizia a frequentare con regolarità Sofia, una sua vicina quasi coetanea. Con lei sperimenta uno stile di vita diverso. Momenti archetipici, comuni ad ogni bambino, si alternano ad altri più legati allo stile di vita, che segnano una differenza tra la tribù e il resto del mondo. Una differenza che Sid deve considerare quando per la prima volta pensa concretamente al futuro.

Noci Sonanti di Damiano Giacomelli e Lorenzo Raponi – giovedì 20 Febbraio alle 19:30

D’ora in avanti i capelli devono essere corti e ben pettinati, le unghie devono rimanere pulite e le dita non devono diventare gialle per la nicotina. Il lavoro impegnerà molto sia mentalmente che fisicamente, il consiglio che viene dato è quello di venire il meno possibile influenzati dall’atmosfera festaiola che regna attorno. Queste sono alcune delle regole che Luca, un quattordicenne timido e dall’animo selvaggio, deve imparare a rispettare per sopravvivere all’interno di un prestigioso collegio alberghiero. La famiglia lo ha spinto a iscriversi all’istituto perché lui possa imparare il più rapidamente possibile il mestiere e il suo carattere ne risulti forgiato. Luca proviene da un villaggio di montagna tra le Alpi, è cresciuto badando al bestiame di famiglia e andando in giro nei boschi.

Presentato al Festival di Locarno 2019 e vincitore al Torino Film Festival 2019, L’Apprendistato (The Young Observant) porta il giovane a fare i conti con se stesso e con ciò che dovrà fare nella vita: quanto dovrà sacrificare della propria libertà e adolescenza per lavorare al servizio dei clienti?

L’Apprendistato di Davide Maldi – giovedì 20 Febbraio alle 21:15

 

D’ora in avanti i capelli devono essere corti e ben pettinati, le unghie devono rimanere pulite e le dita non devono diventare gialle per la nicotina. Il lavoro impegnerà molto sia mentalmente che fisicamente, il consiglio che viene dato è quello di venire il meno possibile influenzati dall’atmosfera festaiola che regna attorno. Queste sono alcune delle regole che Luca, un quattordicenne timido e dall’animo selvaggio, deve imparare a rispettare per sopravvivere all’interno di un prestigioso collegio alberghiero. La famiglia lo ha spinto a iscriversi all’istituto perché lui possa imparare il più rapidamente possibile il mestiere e il suo carattere ne risulti forgiato. Luca proviene da un villaggio di montagna tra le Alpi, è cresciuto badando al bestiame di famiglia e andando in giro nei boschi.

Presentato al Festival di Locarno 2019 e vincitore al Torino Film Festival 2019, L’Apprendistato (The Young Observant) porta il giovane a fare i conti con se stesso e con ciò che dovrà fare nella vita: quanto dovrà sacrificare della propria libertà e adolescenza per lavorare al servizio dei clienti?

L’Apprendistato di Davide Maldi – giovedì 27 Febbraio alle 19:30

Incredibilmente mai uscito al cinema in Italia, Old School è una geniale commedia americana, ricca di citazioni e camei (da Fight Club a Snoop Dog). Tre uomini, apparentemente realizzati, cercano un modo di dare una scossa alle proprie vite. Uno di loro vive in affitto all’interno di un campus e quando il college decide di sfrattarlo i tre amici colgono la palla al balzo: fonderanno una confraternita con sede nell’appartamento evitando così lo sfratto e tornando ai gloriosi giorni delle feste e dell’incoscienza.

Old School di Todd Phillips – giovedì 27 Febbraio alle 21:15

 

 

Barrio's Impact FIlm Festival edizione Autunnale

EDIZIONE AUTUNNALE 24 OCT 28 NOV 2019 BARRIO’S – MILANO 

Adunata di Filmmaker indipendenti, autori di film ad alto impatto sociale. Cult del cinema da vedere sul grande schermo

Da Hollywood alla Barona, documentari atti a produrre un impatto positivo sul mondo, un piccolo excursus di straordinari film, più o meno conosciuti, che hanno segnato generazioni e immaginari giovanili, con forti temi sociali al pari degli autori nostrani: diversità, emarginazione, educazione.

Programma:

31 ottobre - Drive me home di Simone Catania

Una storia di amicizia intima e universale di due trentenni che dopo tanto viaggiare decidono di affrontare il passato dal quale sono fuggiti per ritornare alle proprie origini, verso un approdo inaspettato.

 

24 ottobre - Drive me home di Simone Catania

Una storia di amicizia intima e universale di due trentenni che dopo tanto viaggiare decidono di affrontare il passato dal quale sono fuggiti per ritornare alle proprie origini, verso un approdo inaspettato.

 

Frankestein Junior di Mel Brooks

Frederick Frankenstein (Wilder), erede del famoso barone, è un brillante scienziato di una università americana. L’apertura del testamento del suo avo lo costringe a raggiungere frettolosamente la Transilvania. L’amore per la scienza, il caso e una qualche inclinazione genetica lo spingono ben presto a ripetere l’esperimento del barone. Funziona tutto bene, tranne che il servo Igor, incaricato di prelevare il cervello di un genio, preleva quello di un pazzo.

I figli degli uomini Regia di Alfonso Cuarón

 

Altra data per Frankestein Junior di Mel Brooks

Frederick Frankenstein (Wilder), erede del famoso barone, è un brillante scienziato di una università americana. L’apertura del testamento del suo avo lo costringe a raggiungere frettolosamente la Transilvania. L’amore per la scienza, il caso e una qualche inclinazione genetica lo spingono ben presto a ripetere l’esperimento del barone. Funziona tutto bene, tranne che il servo Igor, incaricato di prelevare il cervello di un genio, preleva quello di un pazzo.

I figli degli uomini Regia di Alfonso Cuarón

 

7 novembre - Fabio Martina con L'estate di Gino

L’estate di Gino racconta l’estate trascorsa nella splendida isola mediterranea Sardegna da Don Gino Rigoldi, storico cappellano del carcere minorile Beccaria di Milano, con detenuti, ex detenuti e ragazzi di comunità di cui si prende cura.

 

14 novembre - Fabio Martina con L'estate di Gino

L’estate di Gino racconta l’estate trascorsa nella splendida isola mediterranea Sardegna da Don Gino Rigoldi, storico cappellano del carcere minorile Beccaria di Milano, con detenuti, ex detenuti e ragazzi di comunità di cui si prende cura.

 

14 novembre, Chris Karcher, Terry Parish con Ti porto via

Tutto ha inizio quando Patrick accetta una proposta pazzesca: portare il suo migliore amico Justin, costretto a vivere su una sedia a rotelle, per tutti i famosi 800 chilometri del Cammino di Santiago. Il risultato? Un film documentario, unico nel suo genere, che illustra la loro impresa, il loro pellegrinaggio.

 

21 novembre, Chris Karcher, Terry Parish con Ti porto via

Tutto ha inizio quando Patrick accetta una proposta pazzesca: portare il suo migliore amico Justin, costretto a vivere su una sedia a rotelle, per tutti i famosi 800 chilometri del Cammino di Santiago. Il risultato? Un film documentario, unico nel suo genere, che illustra la loro impresa, il loro pellegrinaggio.

 

21 novembre - Beatrice Segolini, Maximilian Schlehuber presentano The Good Intention

Dopo 7 anni passati lontano, Beatrice torna a casa con la sua film crew. La sua è una missione difficile: rompere il tabù che vige sulla violenza del padre. Ma parlarne con la madre e i fratelli maggiori non è semplice: l’argomento è delicato, tutti temono di ferire il padre assente, e presto l’intera famiglia comincia a mettere in dubbio le intenzioni di Beatrice.

 

28 novembre - Beatrice Segolini, Maximilian Schlehuber presentano The Good Intention

Dopo 7 anni passati lontano, Beatrice torna a casa con la sua film crew. La sua è una missione difficile: rompere il tabù che vige sulla violenza del padre. Ma parlarne con la madre e i fratelli maggiori non è semplice: l’argomento è delicato, tutti temono di ferire il padre assente, e presto l’intera famiglia comincia a mettere in dubbio le intenzioni di Beatrice.

 

28 novembre - Benedetta Argentieri presenta I am the revolution

In mezzo alla guerra e al fondamentalismo, sono cresciute donne leader che comandano eserciti, organizzano la fuoriuscita delle altre donne dalla schiavitù, guidano forze politiche laiche e progressiste, andando villaggio per villaggio a sfidare i talebani. Queste donne praticano la democrazia più avanzata che possiamo immaginare nei contesti meno favorevoli possibili. Queste donne testimoniano la rivoluzione necessaria ovunque.

 

Barrio's IMpact Film Festival versione estiva

8 SETTIMANE, 16 FILM, 8 EVENTI SPECIALI EDIZIONE ZERO – 18 LUG 26 SET 2019

BARRIO’S – MILANO

 

Programma:

I figli degli uomini di Alfonso Cuaron

Tratto dall’omonimo romanzo di P.D. James, I Figli degli Uomini di Cuaròn illustra un mondo distopico grigio, opprimente, dove ribellione e degrado sono all’ordine del giorno. È l’anno 2027, l’infertilità ha colpito la specie umana e a Theo (Clive Owen), un ex attivista politico, viene dato il compito di accompagnare una donna incinta per miracolo ad un santuario in mezzo al mare. Il film, candidato a tre premi Oscar, vede nel cast anche Sir Michael Caine e Julianne Moore.

 

Trainspotting di Danny Boyle

Diretto da Danny Boyle e nominato al premio Oscar per la miglior sceneggiatura non originale, Trainspotting racconta la storia di Mark Renton (Ewan McGregor) e dei suoi amici ventenni di Edinburgo. Tra tentativi di disintossicazione, ricadute e un inatteso colpo che può cambiare la vita a tutti, Mark forse entrerà a far parte dell’odiata, ma rispettabile società. Un instant cult, il film è al decimo posto della lista del British Film Institute dei migliori cento film britannici del XX secolo.

 

Get Out di Jordaan Peele

Acclamato film esordio di Jordan Peele, Get Out è un horror con sfumature satiriche riguardo al moderno liberalismo negli Stati Uniti. Il film, vincitore dell’Oscar per la migliore sceneggiatura originale, racconta la storia di Chris (Daniel Kaluuya) e Rose (Alison Williams): lui è afroamericano, lei caucasica. Quando arriva il giorno del fatidico incontro con i genitori di Rose, Chris è titubante nonostante le rassicurazioni di lei. Ma sotto l’apparenza di un’accoglienza affettuosa, Chris avverte sempre più che qualcosa non torna.

 

Tenenbaum di Wes Anderson

Uno dei primi film di Wes Anderson, I Tenenbaum racconta la storia degli eccentrici membri di una famiglia un po’ disfunzionale. Royal (Gene Hackman) e Etheline (Anjelica Houston) Tenenbaum, newyorkesi dell’upper class, hanno tre bambini prodigio: Chas (Ben Stiller), Richie (Luke Wilson) e Margot (Gwyneth Paltrow). Dopo anni di separazione, la famiglia si riunisce in occasione ritorno a casa di Royal, forse gravemente malato, proprio nel momento in cui la sua ex moglie sta per risposarsi.

 

Ritorno dal nulla di Scott Kalvert

Tratto dal romanzo autobiografico del poeta e musicista punk Jim Carroll, Ritorno dal nulla di Scott Kalvert narra le vicende di un giovane e promettente giocatore di basket (Carroll, appunto, interpretato da un giovane Leonardo DiCaprio) che entra nel tunnel dell’eroina nei sobborghi degradati di New York.

 

L'attimo fuggente di Peter Weir

Nominato a quattro premi Oscar e vincitore del premio per la migliore sceneggiatura originale, il film di Peter Weir vede Robin Williams in una delle sue performance più celebrate. Nel fittizio collegio maschile Welton, il nuovo insegnante di inglese John Keating (Williams) ispira i suoi studenti a leggere la poesia con una prospettiva diversa e a cogliere l’attimo e rendere la propria vita straordinaria.

 

Marco Gianstefani presenta Karamea

Giovedì 18 luglio Marco Gianstefani presenta Karamea, un manifesto dei grandi interrogativi dell’umanità di oggi: sostenibilità, ambiente, economia.

 

Silvio Laccetti presenta Generazione Diabolika

Giovedì 25 luglio Silvio Laccetti presenta Generazione Diabolika, la storia del party che ha influenzato un’intera generazione nei primi dieci anni del nuovo millennio.

 

Claudio Jampaglia presenta I am the revolution

Giovedì primo agosto, Claudio Jampaglia presenta I am the revolution, una delle più importanti battaglie per la democrazia, guidata da incredibili donne leader che comandano eserciti e organizzano la fuoriuscita di altre donne dalla schiavitù nella “polveriera” mediorientale.

 

Fabio Martina presenta l'assoulto presente

Giovedì 8 agosto, Fabio Martina presenta L’assoluto presente, uno sguardo raggelato (ma proprio per questo tagliente) su Milano e su uno spaccato di gioventù.

 

Sandra Vannucchi presenta la fuga

Giovedì 5 settembre Sandra Vannucchi presenta La fuga, il racconto delicato di una bambina che vive una situazione familiare complessa, segnata dalla depressione della madre e dalle difficoltà di comunicazione con il padre. Con Donatella Finocchiaro e Filippo Nigro.

 

Thomas Torelli presenta True Love

Martedì 17 settembre, Thomas Torelli presenta Choose Love, un coinvolgente e toccante documentario che esamina le implicazioni e i valori scientifici del perdono così come i benefici per la salute fisica, mentale e spirituale a livello individuale e collettivo.

 

Lucio Basadonne presenta I figli della libertà

Giovedì 19 settembre, Lucio Basadonne presenta Figli della libertà, la messa in discussione dell’istruzione tradizionale, della scuola come sistema di controllo che disciplina e limita la libertà.

 

Alessandro Maria Buonuomo presenta Sono guido e non Guido

Giovedì 26 settembre, Alessandro Maria Buonomo presenta Sono Guido e non Guido, esilerante opera prima in forma docu-fiction mockumentary sul poem-star Guido Catalano.